13Mag

“Verso la luce: forme del pianismo tonale”

Ingrid Fliter è riconosciuta come una delle più autorevoli interpreti di Chopin. Le sue registrazioni hanno ottenuto il massimo delle valutazioni: il Telegraph ha scelto i suoi Preludi di Chopin come CD del mese, il Gramophone gli ha inseriti negli top 10 album più raccomandabili degli ultimi anni, Classic FM ha concesso Editor’s Choice alla sua integrale dei Valzer di Chopin, registrati con la etichetta EMI.

Con la casa discografica Linn Records sono di recente pubblicazione i concerti di Schumann e Mendelssohn, i concerti di Chopin e la Scottish Chamber Orchestra ed il CD con i 24 preludi ed i Notturni dell’omonimo compositore, scelti più volte come i CD del mese dalla rivista Gramophone. Primo premio al Concorso di Cantù nel 1994, secondo premio al Concorso Chopin di Varsavia nel 2000, l’artista ha ricevuto il Gilmore Artist Award nel 2006, premio statunitense quadriennale concesso solo a pochi pianisti al mondo. Fra le personalità musicali che hanno inciso sulla sua formazione artistica si ricordano Vitaly Margulis, Carlo Bruno, Franco Scala e Boris Petrushansky.

Ingrid Fliter divide ora il proprio impegno artistico fra l’Europa e gli USA, dove è ospite di orchestre quali la Cleveland Orchestra, Chicago Symphony, Los Angeles Philharmonic, San Francisco Symphony, Toronto Symphony, London Symphony, Royal Scottish National Orchestra, Deutsche Radio Philharmonie, Hungarian National Orchestra, collaborando con i direttori quali Vladimir Ashkenazy, Andrey Boreyko, Carlo Rizzi, Philippe Entremont, Edo de Waart, Charles Dutoit, Gabor Takacs, Vasily Petrenko, R. Fruhbeck de Burgos, Zoltan Kocsis. In recital l’interprete ha suonato nelle più celebri sale da concerto del mondo come Concertgebouw in Amsterdam, Sala Verdi di Milano, Cologne Philharmonic, Wigmore Hall, Royal Albert Hall, Salzburg Festspielhaus, Carnegie Hall, NHK Philharmonie. È docente all’Accademia Internazionale di Imola “Incontri col Maestro” dal 2015.

Programma

Franz Joseph Haydn (1732-1809)

Sonata in minore Hob. XVI n. 34 (1778)

  • Presto
  • Adagio
  • Vivace

Domenico Scarlatti (1685-1757)

Sonata in do diesis minore K 247

  • Allegro

Robert Schumann (1810-1856)

Studi Sinfonici op. 13 (1834-1852)


Introduzione a cura del Prof. Enrico Reggiani, direttore dello Studium musicale di Ateneo

Leave reply:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.